Il Parco Majella porta la giunta regionale sul treno

281

CONFRONTO CONVIVIALE SUI TEMI TURISTICI, MAZZOCCA TRA I PROTAGONISTI CON LE DELEGHE PIU’ PESANTI

30 LUGLIO 2014 – Il Parco della Majella porta tutta la giunta sul treno: accadrà domenica prossima, nella carrozza presidenziale delle Ferrovie, quella (sottolinea un comunicato dell’ente) “che in passato ha accolto personalità illustri, quali presidenti della Repubblica e papi”.

Lungo il tragitto, il presidente D’Alfonso e gli assessori dovrebbero affrontare le tematiche inerenti lo sviluppo turistico delle aree interne. Il condizionale è d’obbligo, perché sul treno è previsto un pranzo pantagruelico, a base dei prodotti tipici di tutte le zone attraversate: agnelli, caciocavalli, pecorini, salsicce, pasta fatta a mano e pasta De Cecco, Del Verde, Masciarelli e chi più ne ha più ne mangi, lasagne bianche, rosse e verdi.; probabile che poi si riprenderà dai manzi, non disdegnando polli e galline che, come si sottolineava in uno stornello romanesco “so’ senza spine, non so’ come il baccalà” (del resto un comunicato del Parco di un paio di mesi fa, per un evidente errore di stampa, parlava di “Parco Nazionale della Macella”).

Ancora il comunicato del Parco sottolinea come l’iniziativa “vuole essere, in un’atmosfera conviviale, un momento di confronto ed una opportunità per i primi cittadini per affrontare il tema dello sviluppo turistico”. In tema conviviale il confronto ci sarà tutto, tenendo anche presente che proprio D’Alfonso si è definito un democristiano (v. “Il Presidente e il magistrato delle acque abruzzesi” nella sezione POLITICA di questo sito).

Sulle altre carrozze viaggeranno sindaci e presidenti delle province coinvolte nell’area (davvero molto grande) del Parco: per essere stati esclusi dalla carrozza presidenziale non osiamo pensare come si abbatteranno sulle portate. Il treno partirà alle 9,30 dalla stazione di Sulmona, senza colazione alcuna (per non rovinare l’appetito). Prevede “una prima fermata a Roccaraso e successivamente a Castel di Sangro, presso la sede della Comunità Montana, dove, nel corso di una specifica riunione, si concluderanno i lavori”; se non fosse stata prevista questa riunione specifica, c’era il rischio che Pantagruel accompagnasse l’allegra combriccola fino a Napoli.

Scontato un locomotore di sostegno se ai “lavori” parteciperà anche l’assessore alle cave e torbiere, all’Ambiente, alla “assistenza tecnica” (mai come in questo caso adatta alle circostanze se parliamo di locomotori di ottanta anni fa), al termalismo, all’Associazionismo territoriale: Mario Mazzocca.