Spinosa: “Iurato è stata un valore aggiunto”

279

11 OTTOBRE 2012 – Un giudizio entusiastico il presidente di Confindustria dell’Aquila, Fabio Spinosa Pingue, esprime sul Prefetto Giovanna Maria Iurato che da ieri ha lasciato la sede per un altro incarico al Ministero dell’Interno:

 

“Un percorso particolare ci ha legato al Prefetto Iurato: quello sulla Legalità. Un tessuto connettivo che prima non esisteva è stato creato grazie alle sue disponibilità, coraggio e desiderio di cambiamento. Il Protocollo sulla legalità, l’incontro con il Procuratore Grasso, la firma del Protocollo con Lo Bello… vengono alla mente subito, si snocciolano da sé. Senza voler contare tutti gli incontri prodromici ad ogni iniziativa e tutti quelli rivolti specificatamente agli Imprenditori solo per raccoglierne le esigenze, ascoltarne le difficoltà e… spiegare loro come “agire”.

E se l’agire non è di stanza in Italia, lo è sicuramente nell’animo di alcune persone che, anche per questo, si distinguono restando così nella memoria.

Grazie al Prefetto Iurato e benvenuto a Francesco Alucci con il quale gli Imprenditori di Confindustria saranno lieti di costruire come e più di prima” conclude Spinosa Pingue, che sottolinea come la dott.ssa Iurato sia stata “un valore aggiunto”.

Concordiamo, per carità, anche perchè pare che una delle ultime istruttorie della dott.ssa Iurato è stata quella di ricomprendere Sulmona nel “cratere” sismico, onde difficilmente avrebbe potuto ottenere i giusti riconoscimenti dagli aquilani se si fosse saputo che i fondi per la ricostruzione andranno ripartiti con un altro comune (e non proprio delle dimensioni di Bugnara o Collepietro).  E poi, silenziosamente, il prefetto ha dato il meglio anche durante la catastrofica emergenza per la neve nel febbraio scorso.

In tempi di incisive iniziative di Equitalia, però, parlare di “valore aggiunto” è insidioso, perchè come niente ti trovi una Imposta pure sul prefetto che fa le valigie.