Alla BCC i conti tornano nonostante la crisi

328

T

PIENONE PER L’ASSEMBLEA DOPO IL PRIMO ANNO DI MARIA ASSUNTA ROSSI

26 APRILE 2016 – Con una eccezionale presenza di 354 soci, la Banca di Credito Cooperativo di Pratola Peligna ha approvato il bilancio del 2015, che prevede un utile di oltre 2 milioni di euro. Tra i dati più significativi, la riduzione degli impieghi, per la palpabile crisi economica che investe il Centro-Abruzzo; ma al tempo stesso, la conferma di un indice di affidabilità dell’istituto tra i più alti del sistema bancario.

Assemblea BCC del 25 aprile 2016

Molto coinvolgente e sottolineato da molti applausi il discorso tenuto dalla Presidente, Maria Assunta Rossi (al centro del tavolo del consiglio di amministrazione, nella foto in alto), che ha ripercorso il primo anno alla guida della banca; al termine sono stati conferiti ad alcuni figli dei soci incentivi allo studio ottenuti dalla rinuncia agli emolumenti per il ruolo di presidente, come promesso un anno fa. La linea di indirizzo più evidente nella politica di espansione della BCC   è oggi quella sulla direttrice della Val Pescara, non solo per la recente apertura di una filiale a Caramanico, quanto per la operatività su comuni limitrofi: “Una  scelta necessaria” ha commentato il direttore generale, Silvio Lancione.

Una linea che conferma la necessità di passare alla provincia di Pescara, potrebbe anche dirsi (v. la sezione IN PROVINCIA DI PESCARA di questo sito).