Aforismi di Ennio Flajano

556

Il filtro critico di Flaiano sulla vita

Senza pietà – “Sei stato condannato alla pena di vivere. Respinta la domanda di grazia”.

ennio-flaianoIndecenza – “Morire è un atto indecente, sei nato in una società stupida che sopporta soltanto l’idea della vita quotidiana”.

Onanismo esistenziale – “Chi rifiuta il sogno deve masturbarsi con la realtà”.

Giallo hard – “La pornografia è noiosa perché fa del pettegolezzo su un mistero”

Mondo piccolo – “Non credo che altrove succeda qualcosa, succede tutto qui”.

Il politico –_“Non posso prendere impegni superiori alle mie debolezze”.

Mea culpa _ “Una volta il rimorso veniva dopo, adesso mi precede”.

Nosce te ipsum- “Conosci te stesso. Dopo di che è impossibile vivere con te stesso”.

Carpe diem – “Vivo un giorno alla volta, non riesco a metterne due insieme”.

Distacchi – “La tua bontà mi fa ridere, il tuo odio ti svela, la tua indifferenza mi lusinga”.

Citazione: “Da Samuel Buttler: poco m’importa la menzogna ma detesto l’inesattezza

 

 

Da Nietzsche

Lo struscio – “Nessuna donna ha mai preso il raffreddore con un vestito leggero e scollato di un grande sarto” .

Democrazia – “La demenza è rara nei singoli, ma larga nei partiti”

Amor filiale – “Se non si ha un buon padre bisogna procurarselo”

Da Oscar Wilde

Il cinico – “Un uomo che sa il prezzo di tutte le cose e il valore di nessuna”

Il predicatore- “E’ facile convertire gli altri, il difficile è convertire se stessi. Il dovere è quello che pretendiamo, non quello che facciamo”.

I pochi – “Siamo tutti nel fango, ma alcuni di noi fissano le stelle”

Le differenze – Il santo ha un passato, il peccatore un avvenire”

Da Ezra Pound

Artisti – “Ci vogliono sei o otto anni per essere educati alla propria arte ed altri dieci per liberarsi da questa educazione educazione”.

Poeti e non solo – “Nessuno può adoperare bene il verso libero senza aver lottato con il verso regolare”

Decadenza –“Roma sorse con l’idioma di Cesare, Ovidio e Tacito che i diplomati non hanno poi declinare” e ora la lingua italiana ha bisogno di carta vetrata”

Guerre – “L’assassinio indiscriminato è rispettabile, l’assassinio discriminato è criminale”