Bankitalia legge i 150 anni

286

21 NOVEMBRE  2011 – Tornerà a parlare dopo tre settimane dal “Rapporto” sull’economia abruzzese il Direttore della Banca d’Italia dell’Aquila, dott. Luigi Bettoni. La sede sarà quella di un convegno:

“La storia economica d’Italia: fatti e politiche 1861-2011”, in programma per martedì 29 novembre a Teramo alle ore 16 presso l’Università degli Studi. L’intervento tenuto a Chieti dal dott. Bettoni ha avuto molta risonanza su tutti i media abruzzesi e l’analisi dell’attuale tono dell’economia regionale è continuamente valutata da tutte le forze imprenditoriali, all’indomani di un evento così dirompente come il terremoto. La Banca d’Italia monitora tutti i segnali economici e, per adesso, come si è visto, ha dovuto registrare debolezza e fragilità.

L’arco di tempo che sarà valutato martedì prossimo è molto ampio e forse non offrirà spunti pratici diversi da quelli dei quali è ricco il “Rapporto” letto a Chieti: ma sarà molto significativo leggere le tendenze di questo secolo e mezzo per vedere dove va l’Italia. L’apertura dei lavori è affidata anche al Rettore dell’Università di Teramo, prof.ssa Rita Tranquilli Leali. Seguiranno, dopo il saluto di Bettoni, gli interventi del dott. Alfredo Gigliobianco, titolare della Divisione Storia economica e finanziaria della Banca d’Italia, del prof. Enrico Del Colle, Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Teramo e del prof. Bernardo Cardinale, della stessa Facoltà.