Di Nino e Iezzi intervistano l’orsa Peppina

236

10 SETTEMBRE 2014 – Gli abitanti di Vallelarga, frazione di Pettorano sul Gizio, hanno chiesto l’intervento della Protezione Civile e dell’Esercito

(stavano per invocare più semplicemente la Polizia, ma poi hanno visto che all’Interno c’è ancora Alfano…) per essere tutelati dall’orsa Peppina. Il plantigrado, da una settimana, ha preso a rompere le recinzioni dei pollai e a fare stragi (pare, peraltro, che il numero di pennuti sacrificati non abbia mai superato le sette-otto unità).

Oggi si è saputo che, se non trova carne, oppure dopo essersi rimpinzato di polli, l’animale fa razzia anche di fichi. Qualcuno ha riferito al TG3 che teme per i propri figli e nipotini, che spesso si aggirano tra Pettorano e Vallelarga per giocare e passeggiare in bici. Ma a dare fiducia sono le dichiarazioni di Oremo Di Nino, direttore del Parco Nazionale della Majella, che afferma che “L’orso non è un animale aggressivo e non attacca l’uomo, a meno che non sia aggredito”.

A noi sembra che un orso affamato, un mese o due prima di mettersi in letargo, se vede un uomo (e meglio ancora un bambino) che gli si para davanti, non sta lì a fare tanta politica e strategia. E comunque, non è il caso di diffondere questi quadretti… mielosi che poi vanno a tranquillizzare un po’ troppo e, quindi, possono rendere anche meno attenti gli uomini e i bambini. Tuttavia, una possibilità Oremo Di Nino ce l’ha proprio in questi giorni nei quali il Parco organizza la kermesse di natura, cibarie & C. “Perla Majella” nel centro storico di Sulmona: sollevi il fondo-schiena dalla sedia della scrivania del Parco e passi per Pettorano, applichi un bel collare (trasmittente o muto, poco ci importa) all’orsa Peppina e la porti a Palazzo Mazara per una intervista con il Presidente del Parco, Franco Iezzi, che ha riempito la città di orsi di cartone l’anno scorso. Diamo la nostra parola che, se Di Nino e Iezzi ne usciranno senza un graffio, grideremo dai balconi di Palazzo Mazara : “Per la Majella”. Se, invece, le cose andranno diversamente, assicureremo idonee riprese foto-cinematografiche.