Ferrovia per Roma: treni più veloci eliminando altre stazioni

283

I NOVEMBRE 2011 – Una rettificazione della linea ferroviaria Roma Pescara nel tratto tra Sulmona e Carsoli (o anche Avezzano, come richiesta minima) è del tutto improponibile. Le economie di tempi di percorrenza si otterranno con la eliminazione delle stazioni e la loro sostituzione con fermate: è quanto si prefiggono le Ferrovie.

Un treno “rapido”, che ora impiega poco più di due ore e mezzo, dovrebbe impiegare circa due ore e dieci, in perfetta concorrenza con gli autobus della linea autostradale, ma con il vantaggio di portare i passeggeri in qualsiasi fascia oraria nel centro di Roma.

Questa, in sostanza, la risposta che il sindaco di Sulmona Fabio Federico ha avuto nei suoi contatti, anche informali, con la Rete Ferroviaria italiana. “Ma non disperiamo di ottenere un sostanziale impegno perchè si metta mano ad una linea che nel suo tracciato è rimasta quella di 120 anni fa” ha osservato Federico, considerando che ormai anche l’autostrada presenta delle punte di affluenza così elevate da non essere più in grado di garantire un collegamento veloce tra Tirreno e Adriatico. Il problema, poi, dell’ingresso a Roma dalla barriera autostradale è talmente grave da richiedere interventi ben più radicali che il semplice raddoppio delle corsie ora a disposizione.