“I Lauretani sono andati oltre”

250

INDAGINE SUL COMMISSARIAMENTO DELLA CONFRATERNITA DELLA TOMBA

28 GIUGNO 2012 – Il fior fiore dei laici della città ha preso posizione sul commissariamento della Confraternita di Santa Maria di Loreto. Gente che non ha mai messo piede in chiesa negli ultimi trent’anni vuole sapere perchè e per come il Vescovo si intromette negli affari di un ente ecclesiastico; giornalisti che sfoggiano la teoria della libera Chiesa in libero Stato hanno lanciato a gara la notizia che da adesso a gestire i Lauretani non ci siano più brav’uomini pratici e di poche cerimonie, ma un commercialista. “Ma saranno pure fatti miei”, potrebbe rispondere mons. Angelo Spina, riprendendo la risposta che Zoff mollò a Silvio Berlusconi che pretendeva giustificazioni su una certa scelta della squadra.

Noi che alla teoria dei due Soli siamo stati affascinati dai banchi del Liceo, ci siamo peraltro concessi una deroga ed abbiamo investigato sui motivi del commissariamento. Con i nostri mezzi, beninteso: quindi al massimo siamo riusciti a sentire qualche sacrestano (chè è già difficile trovarli). Ed abbiamo recuperato solo una frase sibillina: “I Lauretani sono andati oltre”. In quell’oltre c’è tutto il segno di una attività un po’ eccessiva; ma non diciamo niente di più dell’ovvio. E’ una esegesi un po’ scontata. Ci è stato detto anche: “Fate un po’ il confronto con quelli della Trinità…”. Invece del fuocherello, in questa ricerca andiamo sempre verso l’acqua; anche perchè i confronti tra le Confraternite, negli ultimi tre secoli, hanno portato liti e cause ciclopiche.

Sennonchè qualcuno la dritta ce l’ha data dicendoci che è una questione di esequie. Infatti, mentre i Trinitari si sono sempre attenuti alle cerimonie per accompagnare i comuni mortali all’estrema residenza e si spingono a mettere in bella mostra la loro processione del Venerdì Santo, i Lauretani, con quella cerimonia di Pasqua in Piazza, pretendono di andare oltre e vanno ridimensionati, perchè non è giusto che, quando si va ad ordinare un funerale, si possa equivocare sul tipo di pacchetto in offerta; sarebbe intervenuta anche l’Autorità sul rispetto della Concorrenza. Tutto qua; molto rumore per nulla, come sempre succede quando i laici mettono il naso nelle cose della Chiesa.