Lanciano e Vasto uniscono i tribunali (ma Sulmona è forte e “si salva da sola”)

219

15 GENNAIO 2012 – Una nota dell’Ansa  informa che venerdì è stata presentata ufficialmente a Lanciano “la proposta di accorpamento dei tribunali di Lanciano e Vasto per evitare entrambe le soppressioni.

La proposta elaborata dalla Commissione tecnica, presieduta dal presidente del tribunale di Lanciano Ciro Riviezzo, a giorni sarà inviata al Ministero di Giustizia che inizierà l’esame delle domanda il 25 gennaio. L’organico dei giudici sarà di 14, garantendo la specializzazione, e quello dei magistrati di procura sei. Nel progetto la sede è prevista a Lanciano”

Probabilmente il colpo di reni dei frentani per salvare la linea di porta dal pallonetto che si sta insaccando in rete non servirà e il ministro della giustizia Severino farà gol. Ma se per caso così non fosse, se per una congiunzione siderale l’accorpamento salverà due tribunali che stanno a venti chilometri l’uno dall’altro, coloro che da Sulmona hanno risposto con spocchia all’iniziativa dei volenterosi avvocati marsicani (lanciata da questo giornale) sostenendo che il tribunale di Sulmona si salva da solo dovranno chiedere scusa a quanti hanno sostenuto (prima ancora che si muovessero Lanciano, Vasto e Riviezzo) l’idea di abbinare Sulmona e Avezzano dovranno fare un bagno nella Fontana del Vecchio anche con la neve (si vedano nella sezione “Giustizia” di questo sito: Un consiglio saggio: Sulmona e Avezzano non si disperdano, Stessi giudici per Sulmona e Avezzano? , Spinosa: “Un tribunale Sulmona e Avezzano potrebbe essere la soluzione”, TRIBUNALI – L’Idea del dialogo rilanciato dal PSI)