PD al congresso senza futuro

277

vaschione_2004 MARZO 2012 – Fernando Salvatore Fiore è stato eletto, con sessanta voti su sessanta votanti, segretario del circolo dei Giovani Democratici nel congresso svolto ieri  nella sede storica di Corso Ovidio.

 

 Non è tanto il chiedersi “che fare?”, mitica proposizione dell’essenza strategica leninista. Ora è un fatto molto più semplice che a sinistra debbono chiedersi, vista la imminente dissoluzione del berlusconismo che faceva da collante a tante disperate anime del PD. “Ci saremo ancora domani?” è la domanda da farsi una settimana dopo il documento di Palazzo Sardi e la chiusura dei vertici verso ogni riconsiderazione di assemblee e maggioranze. Essere giovani democristiani negli anni Settanta poteva somigliare ad essere ufo: ce n’era uno per ogni classe, a scuola (era arrogante come cento, però, sull’esempio di Forlani). Essere giovani Pd oggi è ancora più difficile: che programma può affascinare un giovane se il programma deve per forza contare su un futuro?