Corsi da chef per tenere lontani gli umani dagli agnelli

242

IDEE ALL’AVANGUARDIA NEL PARCO NAZIONALE

5 LUGLIO 2013 – Basta ad ingozzare gli animali selvatici di ogni ben di Dio pur di tenerli lontani dagli stazzi; il Parco Nazionale d’Abruzzo tiene gli umani lontani dagli agnelli e li rifocilla con pesce, formaggi, risotto bianco, mayonnese e salsa bisque.

“E’ la prima volta che si realizza nel Parco, e con la collaborazione del PNALM, un corso di cucina e questa prima edizione ha un carattere promozionale” , sottolineano alla “Associazione Ecoesplora di Barrea” e all’”Associazione Borgo fattoria didattica di Villetta”, lanciando il programma per “Oggi mi sento chef”. Ci si iscrive con prenotazione per sabato 13 e domenica 14 luglio (ai numeri 3403174515 o 3334302887); si paga solo il costo degli alimenti e si diventa alunni di una strategia culinaria all’avanguardia, ovviamente per quello che si potrà fare dalle 10 alle 18 di sabato e dalle 9 alle 16 di domenica. Coloro che non avranno acquisito un minimo di feeling con i fornelli subito dopo la chiusura del “corso”, alle 17 di domenica presso il Museo della Transumanza” di Villetta Barrea, si potranno consolare con “Poesie d’amore”, per la notoria supplenza tra gola e cuore.

Il Parco Nazionale, uno dei primi in Italia negli anni Venti, sta sempre un po’ avanti; basta pensare che al Parco della Majella, per il programma estivo, si sta ancora pensando alla visita alla casa natale del Presidente Franco Iezzi…