Dacia Maraini a Villetta parla della vita e anche della morte

249

22 SETTEMBRE 2012 – Dacia Maraini partecipa oggi pomeriggio a “Transum’arte”, percorso di cultura e di storia che avrà inizio dal Museo della Transumanza di Mariapia Graziani e che quest’anno toccherà l’anticonformistico tema del “Dialogo sulla vita e sulla morte”.

La scrittrice, che ha scelto il Parco Nazionale d’Abruzzo non solo quale “buen retiro”, ma anche come ambiente per meditare, scrivere tutti i suoi più recenti libri, partecipare attivamente alla vita sociale, si confronterà su questo tema con la psicoanalista Maria Luisa Algini (il di battito è in programma dalle ore 16,30). Dacia Maraini, prima dell’ultimo “L’amore rubato”, ha scritto “la grande festa”, che alla morte è rivolto con paziente sottolineatura di ogni particolare della vita di fronte alla sua negazione. Subito dopo “Transum’arte” si varrà di un concerto di due violini, per riprendere alle 18,30 con una specie di serenata della natura: “Buona notte nel Parco” per la consegna dell’omonimo premio conferito dal commissario del Parco, Giuseppe Rossi. Ancora al Museo della Transumanza sarà allestito l’aperitivo “Arrivederci… dolce e salato” e alle ore 21 nel “Notturno d’autore” Federico Fiorenza e Antonia Renzella allestiranno uno spettacolo itinerante, simbolicamente riproducendo la transumanza che proprio a settembre si svolgeva dai monti abruzzesi con i “suoi” (di Gabriele d’Annunzio) pastori.