FANTOZZI IN BRETELLA E BRAGHE DI TELA

174

DI PIERO PRENDE ALLA LARGA LA QUESTIONE FERROVIARIA CON MARSILIO CHE TAGLIA LA STAZIONE DI SULMONA DAL COLLEGAMENTO TRA L’AQUILA E PESCARAINVECE CHE MELONI AI SULMONESI SOLO CETRIOLI

15 NOVEMBRE 2022 – C’era anche il sindaco Di Piero all’inaugurazione del cantiere per la costruzione di una bretella ferroviaria che dal 2024 escluderà la stazione di Sulmona dal collegamento tra L’Aquila e Pescara, riducendo di poco più di cinque minuti i tempi di percorrenza tra i due capoluoghi. Ma soprattutto c’era il presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, per sottolineare che “questo è un giorno importante per il trasporto pubblico regionale”.

Di Piero aveva la scusa di trovarsi in un convegno sui treni turistici quando sabato non ha neppure accennato alla eliminazione della stazione centrale di Sulmona dal collegamento tra il cocuzzolo della montagna e la città adriatica. Ieri non ha avuto neanche questa scusa, quando come Fantozzi ha solo accennato alla possibilità di un ammodernamento della linea Roma-Pescara, con Marsilio che l’ha guardato con sufficienza e la strafottenza di chi è stato paracadutato in Abruzzo per un giro e non vede l’ora di andare verso più alti incarichi cogliendo al volo un treno diverso, trainato da Giorgia Meloni.

Stava quasi per dire “quanto è buono lei” che Marsilio è andato via per definire la mission abruzzese in vista delle elezioni neanche troppo lontane, anzi coincidenti con quel 2024, quando potrà dire agli aquilani di averli sottratti dall’isolamento centenario dalle rotaie. A sulmonesi e altosangrini non avrà neppure l’imbarazzo di appiccicare qualche bugia, visto che un manipolo di Fratelli peligni cercherà di dimostrare che la sua giunta avrà operato bene, alla luce dei risultati elettorali, senza spiegare che, invece dei meloni, a Sulmona saranno stati rifilati cetrioli.

Ora c’è solo da sperare che, non avendone parlato all’inaugurazione, Di Piero non parli più della rapina della bretella, e non cerchi di far passare la favoletta che la transiberiana d’Abruzzo trascinerà l’economia cittadina.