Federico:”Ho fatto un passo indietro anche per rinnovare”

328

sindaco-529 APRILE 2013 – “Non è assolutamente vero che il Pdl si sia spaccato per la mia pretesa di ricandidarmi a sindaco ad ogni costo”. Ribatte subito Fabio Federico alle voci che sarebbero state diffuse da Gianni Cirillo, assessore della giunta uscita dalle elezioni del 2008.“La spaccatura – aggiunge Federico – si è determinata solo perchè congiuntamente il Comitato aveva indicato Enea Di Ianni quale candidato sindaco e a questo indirizzo si era rimesso il coordinatore provinciale del Pdl; improvvisamente è giunta la pretesa della sen. Paola Pelino di imporre un proprio candidato, addirittura con l’aggiunta che qui a Sulmona avremmo potuto decidere qualsiasi cosa, tanto comunque la scelta sarebbe venuta dall’alto. La mia scelta di fare un passo indietro è stata determinata anche della necessità, che si avverte soprattutto oggi, di rinnovare le cariche e quindi i candidati e di certo non possiamo su questo prendere lezioni da Paola Pelino che si è candidata per la terza volta consecutiva al parlamento”. Con riferimento alla scelta di Cirillo di proporre una soluzione diametralmente opposta a quella decisa dalla giunta sulla questione del metanodotto e della centrale SNAM, Federico conclude: “Poteva fare direttamente la lista “Insieme per la Snam””.