Fiat lux (o Electrolux) sulla linea dei sindacati per l’ACE

406

OGGI ALL’ATTENZIONE DEL GOVERNO L'”ESUBERO” DI 430 DIPENDENTI, ALLORA FURONO TRADITI IN 1000

7 MARZO 2014 – Non passa giorno che televisioni e giornali non si interessino alla (giusta) battaglia dei lavoratori della Electrolux di Porcia (in provincia di Pordenone): addirittura pare che se ne volesse occupare il Consiglio dei ministri della nuova era parolaia di Renzi.

Quello che più è da ammirare, invece, è l’impegno dei sindacati, che non vogliono far passare il piano industriale: prevede l’”esubero” di 430 dipendenti.

Allora è vero che il destino dell’Adriatica Componenti Elettronici di Sulmona è stato deciso dalla rappresentanza sindacale dell’epoca: la chiusura dell’ACE voleva dire la perdita secca di mille dipendenti, ma il fatto non divenne di livello nazionale, anzi neppure regionale. Allora è anche vero che, come sostenne l’ing. Fulvio Fonzi che dell’ACE era direttore, la chiusura dell’ACE-Siemens di Sulmona fu barattata dai sindacati per la salvaguardia di uno stabilimento in Campania che stava particolarmente a cuore di un segretario nazionale della CGIL (v.: “Sindacati dalla parte dei lavoratori? Mica sempre” nella sezione ECONOMIA di questo sito). E con quale faccia il sindacato in Italia si propone per rappresentare la classe operaia?