Lotto marzo, aprile, lotto sempre

255

PER UN MANIFESTO A FAVORE DELLA FEMMINILITA’

8 MARZO 2014 – Non è ancora tempo per esaltare l’aspetto floreale, data l’aria che tira e che concentra il mercurio del termometro, ma il panorama di occasioni per la festa della donna è ricco. “Il futuro è donna” è il tema del dibattito in programma a Palazzo Sardi alle ore 10,30, per esempio. Ed è un passo avanti rispetto ai baccanali nelle pizzerie. 

Interverranno tra gli altri l’assessore comunale Enza Giannantonio e il prof. Fabrizio Politi. Ad organizzare è l’associazione “Voci di donne”. Il sottotitolo è: “La differenza di genere come risorsa”.

Tutto è bene quel che… comincia bene, per parafrasare Shakespeare, nel senso che “Il futuro è donna” è una proclamazione bellissima e non si può non sottoscriverla. Ma ci vogliamo interrogare su quale reazione ci sarebbe se a usare l’etichetta “Voci di donne” fossero i maschietti e non le femminucce? Apriti cielo: si evocherebbero le più becere strumentalizzazioni di genere. La prima risposta di rimando sarebbe: “Perchè che hai contro le voci di donne”? E se poi un uomo si provasse a dire “La differenza di genere come risorsa”, sicuro che uscirebbe vivo da un dibattito?

Per questo, pur senza propagandare la poesia di Giovenale, occorre mantenersi distaccati dal conformismo nel quale si traduce inevitabilmente il femminismo e mostrare fierezza  nel combattere la aporia che vuole l’uomo e la donna uguali. Lo sono sul lavoro, intellettualmente, spiritualmente, ma poi ognuno ha il suo mondo, e meno male, senza risorse che vengano dalla differenza di genere. Solo perchè questo è nella logica delle cose. E’ una battaglia che grandi spiriti (polemici o soltanto critici) avrebbero affrontato e che sta a pochi continuare. Per questo lotto marzo, aprile, lotto sempre.