Gli archeologi studiano le caricature di Maiorano

255

Mario Maiorano è stato ospite del “Gruppo Archeologico Superequano” a Castelvecchio Subequo, per il ciclo: “Alla scoperta dell’autore” e ha ripercorso tutta la sua carriera di disegnatore, dai tempi delle prime tracce sui quaderni di scuola fino al secondo dei libri pubblicati a Sulmona: un arco di cinquant’anni che lo hanno maturato e che hanno regalato alla città una galleria davvero senza precedenti.

Non che altri sulmonesi non si siano cimentati nella nobilissima arte della giocosa ricerca del paradossale, del comico, dell’esagerato in ogni tratto dei personaggi più in vista. Ma Mario Maiorano lo ha fatto con metodo, oltre che con bravura. Di certo per lui il transito nelle pagine del “Satyricon” di Repubblica non ha rappresentato un punto di arrivo, perchè negli anni successivi ha fatto di più e di meglio, tanto che tutte le sue caricature più recenti possono essere apprezzate senza una parola di commento: contengono, già espresso, il giudizio dell’autore sui difetti fisici delle “vittime”; e sono talmente condizionanti che non ammettono opinioni dissenzienti. Sui contenuti dei disegni di Mario Maiorano rimandiamo agli articoli: “Caricature” e “Affettuosa eccezione per la nuora”, rispettivamente nelle sezioni SOCIETA’ e ARTE di questo sito.