Il desiderio del bus per Roma e il nuovo protocollo

262

19 NOVEMBRE 2011 – Si snoda su cinque punti l’impegno che la Regione, la Provincia e i Comuni di Sulmona e Pratola Peligna hanno assunto ieri  a Pratola Peligna“per migliorare il servizio di trasporto pubblico” a costo zero. Saranno tutelate le

corse per Roma con partenza alle 5, alle 6,20 e alle 8 da Sulmona e alle 15, alle 17,50 e alle 19 da Roma: “Sulle altre tre coppie di corse – si legge nel comunicato congiunto – è possibile valutare una sosta ad Avezzano sia all’andata, sia al ritorno”

Si valuterà, inoltre, la possibilità di emettere abbonamenti integrati tra l’Arpa (per i trasporti su gomma) e le Ferrovie. Il punto dolente dell’ingresso a Roma da Lunghezza dovrebbe essere risolto consentendo anche agli autobus della Valle Peligna di utilizzare il sistema di scambio con i treni alla stazione di Lunghezza. Il casello autostradale di Pratola Peligna dovrà essere integrato con la costruzione di un “terminal del Centro-Abruzzo”, che poi sarebbe collegato anche a Chieti e Pescara. In ultimo, quinto impegno del programma, la costruzione di un terminal a Sulmona, perchè, come ha fatto rilevare uno degli organizzatori del convengo, Di Nisio, Sulmona è l’unica città d’Abruzzo a non esserne dotata