Piccione viaggiatore nell’aula di udienza

313

Incredibile sorpresa dopo l’orso confidente

22 SETTEMBRE 2014 – Un piccione è improvvisamente entrato nell’aula di udienza del tribunale di Sulmona stamane,

gettando lo scompiglio tra i molti avvocati presenti e i loro clienti; ma è durato poco, perchè si è subito precipitato nel corridoio imboccando la porta di ingresso dell’aula n. 2; è stato catturato dal vigile urgano Fernando Petricca, che non era in servizio, ma si trovava in tribunale in attesa di una udienza.

Pare si sia trattato di un piccione viaggiatore. Portava un messaggio di Giovanni Legnini circa la revoca della sospensione della soppressione del tribunale. Pare che, con la presa di possesso di altro dirigente (magistrato) al Ministero di Giustizia, tutti i tribunali d’Abruzzo, che “godevano” (sai quanto) della deroga alla chiusura per qualche anno, saranno soppressi già dal prossimo anno. Legnini avrebbe affidato il messaggio ad un piccione viaggiatore contando sui tempi di recapito e sui rischi del viaggio. Ma gli uni e l’altro debbono averlo deluso perché il piccione è arrivato prima delle previsioni e ora la notizia si sta diffondendo rapidamente; forse prima che Legnini andrà a vicepresiedere il Consiglio Superiore della Magistratura.

Pare anche che il volatile, impaurito più delle giovani donne avvocato, abbia lasciato un pensiero sul pavimento, riservato a tutti i sulmonesi che, nonostante Legnini e Pelino abbiano votato per sopprimere il tribunale, li hanno a loro volta votati lo stesso nello scorso febbraio. Sembra così realizzata l’immagine di una nota canzone di Luciano Ligabue, che si chiede “cosa dite a chi piscia nel vostro più bel cimitero”. Risposta: lo votano a Montecitorio e a Palazzo Madama.