“Portatemi a Popoli” (ma non è più così)

272

IL SINDACO ESCLUDE IL TRASFERIMENTO ANCHE TEMPORANEO

6 SETTEMBRE 2012 – L’ipotesi prospettata dal sindaco di Pettorano per un trasferimento dell’ospedale di Sulmona in quello di Popoli è stata del tutto respinta, e a chiare lettere, dal sindaco di Sulmona.

Fabio Federico fa rilevare che non è neanche da considerare una collocazione, anche temporanea, dei reparti nell’edificio (“pur capiente e funzionale”) che finora ha ospitato il nosocomio a Popoli e che in parte è stato svuotato: “Si tratta di essere anche coerenti con quanto finora abbiamo detto sul pericolo di spostare i reparti prima che si intraprenda la costruzione del nuovo ospedale”. Nella valutazione del sindaco di Sulmona deve aver influito anche l’atteggiamento che a suo tempo, in modo inspiegabile, assunse la rappresentanza cittadina di Popoli contro l’ accorpamento dell’ospedale alla ASL di Sulmona per la istituzione di una unica azienda tra Sulmona, Popoli e Castel di Sangro (sul punto: “Ospedale da Sulmona a Popoli? Neanche per idea” nella sezione SOCIETA’ di questo sito).

Insomma non vale più quello che si diceva qualche decennio fa del moribondo che, per sfuggire alle cure dell’ospedale di Sulmona, avrebbe detto in fin di vita: “Portatemi a Popoli”