RAUMUNN RAUMUNN

150

CONTINUA L’IMBOSCAMENTO DELLE PRATICHE CHE DOVREBBERO ESSERE AD EVIDENZA PUBBLICA

16 MAGGIO 2024 – Solo dalla stampa i consiglieri comunali Teresa Nannarone, Maurizio Proietti, Caterina Di Rienzo, Luigi Santilli e Franco Di Rocco hanno appreso che l’assessore al turismo ha promosso un incontro per programmare il futuro della gestione di alcuni siti considerati “patrimonio culturale” dal Consiglio. Ritengono, invece, che “modo e affidamento delle aree de quibus debbano essere riportati in Consiglio comunale per stabilire preventivamente tanto le modalità di selezione quanto i contenuti dei progetti che non possono che essere presentati a seguito di una procedura ad evidenza pubblica/manifestazione di interesse e non nelle segrete stanze di Palazzo San Francesco, men che meno concordate personalmente dall’assessore”.

Così, i consiglieri hanno scritto al sindaco e alla segretaria comunale (e per conoscenza al Prefetto), chiedendosi quali “inviti” siano pervenuti e quali linee caratterizzino i programmi di gestione dell’eremo, chiuso il 21 maggio 2010 a seguito di una ordinanza del sindaco per causa di forza maggiore con interruzione del contratto di affidamento ad una associazione.

In sostanza, il municipio sta tornando ai tempi nei quali era convento, dove il segreto dominava rispetto alla conoscenza. I corridoi, nella attuale gestione, sono chiusi ad ogni principio di partecipazione proclamato dalla Costituzione. E non era facile…

Please follow and like us: