Se anche la neve per il Sud è una maledizione

284

SCONCERTANTE GESTIONE DEI NOTIZIARI METEO: UNA LETTERA DEL SINDACO DI CASTEL DI SANGRO

14 GENNAIO 2017 – Si sono placate le polemiche per la pessime gestione delle strade dell’Alto Sangro da parte di prefettura e Anas nei giorni dell’Epifania. Ma è rimasta la sensazione che nessuno tuteli questo territorio d’Abruzzo e il sindaco di Castel di Sangro intravvede una sotterranea strategia per valorizzare le località sciistiche del Nord Italia a scapito di quelle del Sud (che, poi, stanno essenzialmente nell’Alto Sangro. L’avv. Angelo Caruso per questo ci scrive:

“Passi la superiorità industriale; si ammetta l’efficienza dei servizi pubblici; si riconosca la loro ricchezza, ma non può accettarsi che se nevica al nord la circostanza viene annunciata come una buona notizia: “Finalmente arriva la neve sulle Alpi… per la gioia degli appassionati di sci…”, mentre quando la perturbazione interessa il meridione la cosa viene annunciata: “Maltempo al sud”, con tanto di allerta meteo, con raccomandazione agli automobilisti di non mettersi in viaggio. La tecnica è usuale, con i TG meteo che dipingono una condizione stradale catastrofica (non sempre a torto), senza neanche il pudore di omettere a margine del servizio la promozione delle più blasonate località sciistiche alpine. Il messaggio lanciato proditoriamente viene recepito inconsciamente da chiunque si trovi in ascolto della radio, della TV ed ogni altro mezzo di comunicazione e come se non bastasse, anche nel corso della stagione estiva, quando le nuvole si addensano al centro nord, lasciando indenne il sud, i media annunciano: “Mal tempo in Italia”. La strategia comunicativa coglie nel segno, poiché colpisce inesorabilmente l’ascoltatore deludendone l’aspettativa, proprio perché egli viene condizionato dalla prima notizia, come a voler somministrare il primo boccone amaro all’affamato. Credo che il tempo dell’ingenuità debba cessare, anche se non può ignorarsi che le maggiori organizzazioni meteo  sono  sponsorizzate dalle stagioni sciistiche del sport, e dunque occorre porre in essere un’azione di contrasto al suddetto fenomeno, in grado di mutare il genere di comunicazione inerenti i fenomeni metereologici invernali, quantomeno non in senso dissuasivo”.

Nella foto il pullman della linea Pescara-Napoli nei pressi di Roccapia