Si riallacciano i rapporti con l’UDC

226

IN VISTA DELLA CONCLUSIONE DEL MANDATO AL COMUNE

2 OTTOBRE 2012 – Ore decisive per la formazione di una nuova giunta a Sulmona dopo l’azzeramento con il quale l’esecutivo si è presentato all’ultimo consiglio comunale.

 Le ipotesi sono ristrette a quella di una sorta di “interim” che il sindaco conserverebbe per gran parte delle deleghe e per meno di un semestre (il tempo residuo del suo mandato) e a quella di un rimpasto per ricoprire tutti gli assessorati. E in questo giocherebbe una specie di recupero dell’UDC, che peraltro non si mostra interessata all’attribuzione di un assessorato. Nessuno, in verità, si dannerebbe pur di stare in giunta nello scampolo di legislatura comunale.

Un altro aspetto che giunge ad agitare l’ultimo semestre della giunta Federico è la molto probabile inclusione della città nel “cratere” del terremoto del 2009, con tutte le conseguenze di ordine finanziario che potrebbero modificare di molto il bilancio del Comune. Sembra, infatti, che la Prefettura, rivedendo il giudizio espresso nei mesi successivi al terremoto, e adeguandosi alla decisione del TAR, sarebbe intenzionata ad includere Sulmona tra i Comuni del nucleo principale, cioè nell’ area più danneggiata.