Stille di poesia… dilettale

371

UNA RACCOLTA DI EVANDRO GAY E L’ARMONIA DEL VERNACOLO SULMONESE

30 DICEMBRE 2013 – Una stilla ogni tanto; così Evandro Gay ha raccolto una boccetta di profumatissime rime in dialetto sulmonese (nella foto una immagine della fontana al primo piano di Palazzo Mazara) le ha proposte per i tipi di “Qualevita” qualche giorno fa.

La sua è una ricerca delle emozioni, che sgorgano senza classificazioni e priorità, quasi tutte protese a descrivere gli ambienti belli della poesia comprensibile a tutti, qualche altra che indugia nella nostalgia personale, nello scrigno delle cose inviolabili perchè evocano immagini esclusive, come la carezza della mamma o un profumo di un cassetto. Gay chiarisce subito, dalle prime pagine, quale sia il suo essere dilettante. E prende a prestito una bellissima frase di Ezra Pound: “Un vero dilettante è propriamente una persona che trova diletto nelle arti, non una persona che tenta di interporre le sue produzioni scadenti fra il capolavoro e il pubblico” (Saggi letterari, Garzanti, 1957). Ci dice subito, quindi, che egli ha fatto tutto per diletto, perchè affascinato dalla potenza espressiva di una raccolta di rime. E non si può che condividere quanto sia stato fascinoso il poter esprimere questo brevissimo “Lu tiempe vole”, ormai risalente al 1982:

Me pare ca so’ nate l’atreière

E ière, dope suòle na nuttate,

m’haje svejate ‘nche i capille bianche.

Pure l’età è cagnate: cinquant’anne!

Viste ca corre a sta velocetà

lu tiempe, iè nen ve sacce a dicere

Se mò so’ ancòre vive oppuramente

Ve stienghe già a parlà dall’atrmunne!

E solo all’anno successivo risale “Lu cannone”, che narra, molto meglio di quanto abbiamo potuto fare ne “Scoppiano di rabbia i cannoni di Navarone” nella sezione PERSONE di questo sito, la leggenda dei pacentrani che avevano deciso di far saltare Sulmona, ma con un cannoncino troppo pretenzioso e da distanza troppo grande:

Stu fatte ha capetate veramente

Durante une de le tante ‘uerre

Che facìvene, ‘uarde a santa niènte!,

Paciéntre ‘nche Sulmòne pe’ le terre.

Lu cumannante de i Pacentrane,

che se chiaméve Jacope Caldòre,

ève nu brave e fòrte capetane

(lu nòme si’ mo’ se recòrde ancòre).

‘Ivene i primi tièmpe che s’ausève

La pòlvere da spare pe’ i cannune

E Jacope cuscì, pe’ farla brève,

ne fa menì tre chine da Bellune.

Fa ’ncelecà la pòlvere ai suldate,

ce aunisce quattre palle de cannòne.

Fa appiccià lu stuppacce ‘catramate

E fa puntà lu pièzze su Sulmòne.

La pòlvere, che stève assa’ pressate,

s’appicce e schioppe cummà fa na bòmbe,

se mùrene chje du’ o tre suldate

e pure lu cannòne je se rompe.

Quanne che se calmì lu pulveròne

E Jacope vedì quile sfragièlle,

“che sa c’ha cumbenate mo’ a Sulmòne”

Dicì, “se aècche ha fatte stu macielle!”

Più intimista è questa “Senza nide”

S’è fatte n’anne che lu Patatèerne

Me te s’ha repijate e mo’ la vite

è cummà fusce nu malditte ‘Mbièrne

da quile juòrne che tu scì sparite.

Me sènte nu cellucce sèena nide,

ch’orama’ de vulà chiù nen se fide.

Dàmmela tu la fòrze de jì ‘nnanze

Pe’ sta calate amare e sènza ‘scite:

stamme vecine e vive pe’ le stanze

de chèsta case, che ce ha viste aunìte!

 Essendosi allontanato il tempo nel quale le espressioni dialettali erano patrimonio di tutti i Sulmonesi, Gay fa benissimo a far seguire un “glossario” che sembra il condensato di un attento studio per la pronuncia, oltre che, naturalmente, per i significati delle parole usate in queste delicate rime. Sembra che l’autore abbia preferito i suoni melodiosi di un dialetto che tanto melodioso non è, quasi a ricordarci che anche a Sulmona l’armonia della lingua è frutto di antiche prassi, mai codificate in grammatiche e dizionari eppure tramandate per secoli. Un anello di questa catena di trasmissione è, ora, Evandro Gay con questa sua “Tentata evasione”, nome della raccolta di versi.