MA INSOMMA CHE COSA HA FATTO MARGIOTTA IN PROCURA ?

783

Una parte dell’impianto di “Noce Mattei”

ANNUNCI ALTISONANTI E POCA INFORMAZIONE DEL GIORNO DOPO

24 NOVEMBRE 2018 – Un più che lubrificato meccanismo di informazione, quello del ”COGESA”, che sforna un periodico patinato del quale non si avverte esigenza alcuna ai fini del miglioramento del servizio di raccolta della differenziata; che divulga in un batter d’occhio le statistiche sulla differenziata con impennate vorticose (paragonate al periodo nel quale si raccoglieva soltanto nel centro storico; bello sforzo); che glorifica i risultati del riciclo dei libri di scuola; un apparato così non impiegherebbe più di un minuto a riferirci cosa abbia fatto il Presidente del COGESA, Vincenzo Margiotta, alla Procura della Repubblica, in quella visita che pure i quotidiani hanno tanto divulgato.

Alcuni sindaci aderenti al COGESA hanno avuto da ridire sulla correttezza di una verbalizzazione; da qui la decisione del presidente di recarsi in Procura. Orbene: in Procura si può andare per presentare una denuncia; si può andare per essere sentiti a verbale da un magistrato; si può andare per chiedere un certificato del casellario. Insomma: le vie che portano alla Procura sono tante. Quale ha inteso percorrere il presidente del COGESA? Mica possiamo rimanere appesi ad una coincidenza: che, cioè, la visita è stata decisa dopo i malumori dei sindaci. Cosicchè la visita potrebbe essere servita per dare una risposta indiretta; per esprimere la proprio indignazione sul contenuto del malumore dei sindaci, Capiamo che un amministratore debba parlare poco e fare molto: ma allora perché tanto strombazzamento per la missione in Procura?

Please follow and like us: