Costruttori picconano il municipio

375

SEVERA POSIZIONE PER I FINANZIAMENTI PERSI. MA IL VERO DEMOLITORE E’ ANDREA GEROSOLIMO CHE HA COLLOCATO CASINI AL SUO POSTO

23 FEBBRAIO 2018 – Insorge l’Associazione Costruttori perchè in quegli ambienti hanno saputo che il Comune di Sulmona avrebbe perso i fondi per la “messa in sicurezza degli edifici pubblici” e questo, in attesa di conferma, “per negligenze degli uffici che non hanno predisposto gli atti necessari per l’accesso”. Nel comunicato che l’ANCE ha diffuso oggi pomeriggio si riporta il commento del vice-presidente Marco Tirimacco: “sarebbe mortificante per la città”. “Un territorio ad altissima sismicità, vulnerabile anche dal punto di vista idrogeologico e che soffre uno spopolamento, dovuto alla mancanza di opportunità lavorative ed economiche, non può permettersi tali “leggerezze”. Ci auguriamo che il sindaco smentisca questa notizia e che comunque si riesca ad organizzare la macchina amministrativa per non perdere mai più in futuro queste preziose opportunità, così come sono riusciti a fare altri piccoli comuni che di certo combattono con le stesse carenze di personale comuni a molte amministrazioni. La sicurezza degli edifici pubblici e privati è uno dei temi più urgenti da affrontare per un’amministrazione prossima ai crateri sismici. Su questo vanno concentrate risorse e tempo. Chi amministra e chi fa parte degli apparati tecnici delle amministrazioni non può sentire il peso di questa responsabilità”.

Non sarebbe solo “mortificante”; sarebbe scandalosamente in linea con quello che la sindaca messa al municipio da Andrea Gerosolimo non ha fatto in questi 19 mesi dalla sua elezione, voluta da chi si scandalizza che i grillini si presentino senza avere esperienza e poi vota chi non aveva mai messo piede in un organo rappresentativo, tanto meno in consiglio comunale. Non c’è solo D’Alfonso a togliere a Sulmona quello che Sulmona aveva e a mandarle quello che non aveva (i rifiuti di vario genere, compresi quelli di Roma per farsi bello in vista dell’auspicato sottosegretariato); c’è anche Gerosolimo che lavora in combine con D’Alfonso e da Sulmona scava per la definitiva tumulazione della città. Queste persone hanno solo la smargiassante prosopopea di dire che radunano “quattrocento amministratori” per la loro lista civica. E poi non dicono che non sanno neppure istruire le pratiche per avere i finanziamenti.

Bene fa Tirimacco a suonare la carica; speriamo che non lo faccia per farsi mettere sulla sedia dell’assessore, come ha fatto Angelone, che da Masaniello ce lo siamo ritrovato allineato e coperto dalla parte di chi aveva paralizzato le pratiche per l’edilizia. Risposte dal Comune non verranno al “Vaschione”, perché dal Comune non arrivano più notizie da almeno sei mesi (a proposito: è normale che i mezzi pagati dalle casse pubbliche, compresi gli addetti stampa e i computer per inviare i comunicati, possano essere gestiti dal Sindaco secondo il suo umore e, peggio, secondo i vassallaggi che le mostra certa stampa? Oppure è un reato e dobbiamo segnalarlo alla Procura della Repubblica?). Ma siamo sicuri che il riscontro del Comune sarà pubblicato da ZAC 7, Centroabruzzo news, che ci informano già sul perfetto funzionamento della raccolta dei rifiuti, come ci hanno informato sul magnifico Bimillenario di Ovidio che ci siamo lasciati alle spalle. Loro sì, ricevono tutti i comunicati.