Da fabbricacultura a convittocultura

281

Ricky Tognazzi legge Ovidio8 DICEMBRE 2012 – La presidente di “Fabbricoltura” ci accoglie, o meglio ci affronta, prima che Ricky Tognazzi legga i “Tristia” per dirci di aver notato che questo sito non apprezza le iniziative di quell’associazione e, pertanto,

di meravigliarsi che siamo presenti alla presentazione del libro sul processo a Ovidio. Da compìta padrona di auditorium poi tira dritto senza aspettare la nostra risposta; che pertanto affidiamo a queste poche righe. Non ci è piaciuto l’abbinamento fra cene afrodisiache e Ovidio; e neppure fra confetti e vino; lo spieghiamo in “Che c’entra Ovidio con le cene afrodisiache?” e quindi non ci ripetiamo in questa sede. Mentre ci interessava sentire Tognazzi declamare “Tristia” e “Ars amatoria”; quindi, siccome l’auditorium è aperto al pubblico, non dobbiamo chiedere consensi a nessuno.

E sarà il caso di non ripetere l’atteggiamento tipico sulmontino di considerare cosa propria una qualche iniziativa; soprattutto quando questa è finanziata da altri, in questo caso la Camera di Commercio, e sospinta da un manager fattivo come Fabio Spinosa, che opera senza mostrarsi. Altrimenti si fa come “Sulmonacinema” che, per aver organizzato la prima edizione del festival del cinema, ritiene di essere diventata l’unica legittimata a usare il cinema Pacifico senza neanche partecipare ai bandi di concorso e deridendo chi si sobbarca l’onere di proiettare i film.

Ma poi così si vuole candidare alla carica di sindaco? C’è il rischio che, una volta eletta, ci verrà a chieder conto del fare la spesa al mercato, nella piazza del Comune; e se ci volessimo rilassare dovremmo parlare bene della stagione teatrale prima di entrare al “Caniglia”; e niente autobus dall’ospedale neppure dopo una resezione gastrica. Insomma un’aria da convitto, o peggio.

Vogliamo solo sperare che non sia il Popolo delle Libertà a candidarla; o quanto meno non il Popolo della Libertà di Stampa.

(Nella foto: Ricky Tognazzi legge Ovidio all’Auditorium dell’Annunziata l’8 dicembre)