Facce pallide ai seggi dopo la notte d’inferno

348

26 MAGGIO 2013 – Aria dimessa, pochi commenti (è già tutto detto) e impegno a non cacciarsi più in queste avventure: qualche presidente di seggio accusa lo sbocco dell’ansia di ieri pomeriggio e della notte a rincorrere le schede elettorali per sostituire quelle nulle.

Non erano cerchiati i nomi dei candidati sindaci, ma sono molto cerchiati di rosso gli occhi di segretari e scrutatori, in questa tornata elettorale. Non ci sarà da stupirsi per i primi dati sull’afflusso alle urne. Ma già poco prima di pranzo a votare sono stati in molti e quelle che con un po’ di idiozia sono state definite le elezioni maledette potrebbero invece rivelare una partecipazione stabile, se non proprio in crescita. Con le anemie dei voti nazionali il dato non dovrebbe essere scoraggiante: Sulmona si attacca alla massima espressione di impegno civico, anche nel periodo di crisi più nera.

Please follow and like us: