IDV: ma dietro la sigla chi c’è?

286

I  LUGLIO 2012 – I “giovani dell’Idv” di Sulmona rumoreggiano perchè viviamo nell’unica città che non si è adeguata alla liberalizzazione dei locali e dove le autorità pretendono il rispetto degli orari di chiusura di bar, pub e ritrovi vari.

 

E’ da qualche tempo che questi “giovani dell’Idv” emettono comunicati, per lo più sulla organizzazione del tempo libero e dei locali pubblici.

Se sono consentite due domande, vorremmo esplicitarle: chi sono e quanti sono costoro che non si sono mai presentati con nomi e cognomi? Quanti di essi vivono nel centro storico di Sulmona oppure hanno speso un euro per trovare casa nel centro della città?

Infatti, sembra piuttosto comodo strologare su questo o quel problema senza neanche far sapere chi si rappresenta. In democrazia quanto meno ci si fa conoscere in questo modo e non si tenta di ricoprire il ruolo del grillo parlante, soprattutto se si assumono iniziative nei confronti di chi i voti li ha riportati veramente e usa la propria faccia per sostenere quello che dice: per esempio il sindaco, che ha detto chiaro e tondo, in risposta all’Idv, che non farà devastare il centro storico.

In secondo luogo, il centro storico di Sulmona è diventato palestra di addestramento dei più contorti tentativi progettuali: tutti, si badi bene, fatti dall’esterno, cioè da persone che quando sono le otto di sera riprendono l’auto e se ne vanno ai Cappuccini o nelle frazioni. E’ chiaro che a costoro non importa un fico secco se i pub (che pub non sono, ma vere e proprie discoteche) producono ubriachi marci e musica che è da discoteca; che chi esce dai “pub” va orinando a destra e a manca; che chi ha speso i propri risparmi per aggiustare una casa al centro debba andare a dormine addirittura a Bussi (come si è accertato in un processo penale contro il gestore di un pub) perchè era impossibile dormire con i decibel a mille.

Suvvìa, “giovani dell’Idv”, diteci chi siete e se parlate per un progetto politico o solo perchè fra di voi ci sono parenti dei gestori dei pub; e diteci anche se di giorno lavorate o studiate oppure se dormite per recuperare le notti insonni.