Intanto con le mezze misure si sprecano i soldi

246

Prima il raccordo nei pressi di Roccacasale tra la Strada statale 17 e la diramazione della Tiburtina Valeria; adesso l’innesto con altro ingresso di Pratola Peligna. Ma quanto sarà costata, pezzo per pezzo, questa “uscita economica” di Capocroce?

Lavori-caselloNel giro di un paio di chilometri sono state allestite delle intersezioni che, se proprio non si sono avvicinate alla spesa per la esecuzione della uscita voluta dalla SARA negli anni Sessanta, si sono molto avvicinate. Il risultato è che la sicurezza e la scorrevolezza del traffico sono rimaste a zero e difficilmente potranno migliorare, data la realtà nella quale il traffico autostradale deve comunque inserirsi.

Nelle foto si vede tutta la realtà di queste incongruenze che pare non abbiano paternità alcuna. Gli sbancamenti in alto sono quelli della “rotonda” che si sta costruendo per l’ingresso ad ovest di Pratola; lì comincia una lunga serie di confusi incroci, fino alla chiesetta di Santa Brigida, rimasta a segnare il terminal della superstrada ad est di Sulmona, silenzioso ed imbarazzato monumento nel vertice del caos per la strettoia su una strada che non ha neanche uno dei requisiti della viabilità primaria europea, se non forse l’asfalto. E non è finita qui, perché se poco poco si riterrà di adattare il collegamento tra il casello e la Statale 17 si dovrà mettere mano ad alzare il ponte della ferrovia (seconda foto), perche più di una volta gli autoarticolati ci sono rimasti incastrati, vista la altezza che non è compatibile con tutte le sagome dei trasporti, persino di quelli ordinari. A chi bisognerà presentare il conto?

Ponte-ferrovia