Ipotesi di atto terroristico, è la sindaca a formularla

302

L’INCENDIO DEL MORRONE E LA DEVASTAZIONE

5 SETTEMBRE 2017 – La sindaca di Sulmona ha dichiarato stamane al TG3 che l’incendio al Monte Morrone sarebbe stato un “atto terroristico”

e che occorre immediatamente intervenire per il ripristino delle condizioni ambientali della montagna, data la sua vicinanza al centro cittadino ed il pericolo di gravi pregiudizi per gli imminenti eventi atmosferici che potranno determinare frane e smottamenti (traduzione delle frasi pronunciate al microfono di Daniela Senepa).

L’ipotesi dell’atto terroristico ci mancava; ma se Sulmona sta nell’occhio del ciclone oppure ci stava quando sono scoppiati gli incendi, la sindaca s’è scelto proprio il periodo più adatto per andare in ferie e per restarci nonostante i terroristi fossero tra noi? Sarebbe possibile apprendere la fonte delle indagini che ha fatto la sindaca? Non è più semplice, invece di farsi prendere dal terrore, mandare subito qualcuno a spegnere le prime fiammelle di incendio per evitare che brucino migliaia di ettari di montagna?