“L’Abruzzo fa apposta leggi incostituzionali”

275

GRAVE ACCUSA DEI 5 STELLE SUL PROBLEMA DEL GASDOTTO

9 MARZO 2014- Intervenendo ad una assemblea organizzata dal Movimento 5Stelle a Sulmona, Mario Pizzola, rappresentante dei Comitati cittadini per l’ambiente, ha sottolineato il pericolo di una riforma del Titolo quinto della Costituzione che preveda di ridisegnare le competenze sulla gestione delle autonomie territoriali.

In particolare, Pizzola ha messo in guardia sul facile sviluppo di un accentramento decisionale a livello governativo: “Nella vicenda del gasdotto, contro il quale stiamo combattendo per evitare che transiti nella Valle Peligna, si sono contrapposte, almeno a livello formale, le leggi approvate dalla Regione Abruzzo e le decisioni del Governo di impugnare tali provvedimenti davanti alla Corte Costituzionale. L’espropriazione di ogni competenza o attribuzione, a favore del centralismo che ne deriverebbe, costituirebbe la fine di ogni risorsa dei territori di scegliersi il proprio destino”.

Rispondendo a Pizzola, il sen. Andrea Colletti del “Movimento”, ha peraltro richiamato l’attenzione sull’atteggiamento di finta contrapposizione della Regione, che a suo avviso avrebbe appositamente legiferato in prospettiva di lasciar dichiarare incostituzionali tali provvedimenti: “E’ un metodo che appartiene ad un certo tipo di politica e non è neanche tanto mascherato”.