Nuovo utente del tribunale dei Parchi

391

Delicato tentativo di conoscere il tribunale dei Parchi

INCORAGGIATO DAL DOCUMENTO SULLA TUTELA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI LEGATI ALLA NATURA, TORNA SUBITO DOPO AL RANDAGISMO NEL  CO.GE.SA.

18 FEBBRAIO 2018 – Pare sia stato informato dell’ultimo documento che i soliti buontemponi hanno pubblicato per la asserita tutela del tribunale di Sulmona: proprio quello nel quale si fa riferimento alle potenzialità del tribunale in ragione del fatto che comprende il territorio del Parco Nazionale. Il cagnolino ripreso nelle foto avrà pensato che c’è nuovo spazio per rivendicare un ghiotto pasto quotidiano fatto di Eucanuba, come per i cani dei ricchi. E quindi si è affacciato sulla porta d’ingresso del tribunale della ritrovata verve francescana, quella che, secondo le volpi di quel comunicato, dovrebbe aumentare le iscrizioni a ruolo e magari far sfigurare anche i numeri di Avezzano.

Capìta l’aria torna al dignitoso randagismo

Però, da come mette le orecchie dopo aver dato una sbirciatina, il delicatissimo ospite deve essersi reso conto di quello e di quelli che stanno dentro. Ed è tornato al suo dignitoso randagismo, fatto dei molti cassonetti che il CO.GE.SA. lascia in giro anche dopo il fatidico I gennaio (inizio della raccolta differenziata dura e pura).