Ripensarci è impossibile ?

270

 Sono settimane cruciali per la decisione sul passaggio del metanodotto in Valle Peligna e la costruzione di una stazione di pompaggio del gas nei pressi di Sulmona, più o meno all’altezza del cimitero, sulla strada per Pacentro.

Anzi, in realtà sembra che la decisione sia stata adottata e va nel senso esattamente opposto a quello votato dal consiglio comunale che si è opposto con fermezza a questo nuovo impianto, soprattutto per i risvolti sul piano ambientale che una scelta del genere comporterebbe. Il Consiglio Comunale potrebbe tornare sull’argomento, alla luce degli ultimi sviluppi?

“Il Consiglio ha già compiutamente e fermamente deliberato sul problema SNAM. Ogni ulteriore deliberazione nel merito sottrarrebbe forza alla delibera originaria” osserva il sindaco di Sulmona, Fabio Federico.

Ma non potrebbe ottenere un ripensamento della Regione? “La approvazione di una deliberazione che “chieda alla Regione di  dotarsi di una normativa”, come proposto dai cosiddetti ambientalisti – risponde ancora Federico –  oltre che improponibile dal punto di vista giurisdizionale, appare politicamente assai poco corretta, irrituale e comunque non rispondente ai normali rapporti Comune/Regione”.

Sulmona aderirà al ricorso alla Commissione europea ? “ Non è chiaro se “l’istituto” della “adesione al ricorso” sia legittimo ovvero rappresenti solo l’ennesimo “manifesto” della protesta fine a se stessa”.

Ma non ci sono altri elementi da valutare perchè ci possa essere un ripensamento complessivo? “Uno studio sull’attuale situazione di inquinamento della Valle Peligna richiederebbe un costo non sostenibile dalle nostre finanze e sarebbe inutile perché  per avere rilevanza scientifica, dovrebbe essere fatto dopo eventuali istallazioni impattanti e non prima”.

Si può dare una coloritura politica alla tutela dell’ambiente negli ultimi anni ?

“L’unica amministrazione che ha deliberato in senso ambientalista è questa di centro-destra – rivendica il sindaco –  Quelle di Centro sinistra non hanno mai deliberato.”