Spinosa (industriali) : “Sciopero contro le tasse? Perchè no?”

262

18 OTTOBRE 2012 – “Qualcuno già suggerisce lo sciopero delle tasse: forse l’illegalità potrebbe essere una risposta obbligata alla mancanza di legalità”.

Sfodera carattere Fabio Spinosa Pingue, presidente degli industriali della provincia dell’Aquila nelle sue conclusioni ad un documento sul prelievo che andrà fatto per la restituzione delle tasse post-terremoto non più in 120 rate, ma subito solo perchè adesso si dice che questo piano di rientro sarebbe contrario alla normativa europea.

“ Mi sembra doveroso – introduce Spinosa Pingue – riportare il pensiero comune degli Imprenditori: se una legge emanata dal Parlamento non conta nulla siamo in un Paese di ciarlatani. Ho sentito sui media nazionali interviste ed interventi: tocco con mano che l’Italia intera non ha capito nulla perché tutti pensano che gli Aquilani non vogliamo pagare le tasse. Ma noi le stiamo pagando, e tutte, già da giugno 2010 e da gennaio di quest’anno quelle dei mesi immediatamente successivi al sisma con un “abbuono” del 60% da restituire a rate: ora ci si viene a dire che questo “sconto”, chiamiamolo così per facilitare la lettura, deve essere restituito per intero e subito anziché in 120 rate. In barba ad una legge che già non aveva voluto trattare L’Aquila al pari delle altre aree geografiche colpite da sisma che, ancora oggi, a distanza di vent’anni e più, godono dei benefici fiscali.

“Ma dove sta la certezza del diritto (di cui dovremmo essere la Patria)? In che cosa dobbiamo credere se non nelle leggi? Un Paese senza legge è un Paese incivile, terzomondista, costretto ad affidarsi alla fatalità, alla furbizia, ai cartomanti.

“Mi si chiede cosa accadrà se dovremo restituire contributi e tasse: la risposta è evidente. Le poche imprese sopravvissute al sisma chiuderanno i battenti perché una circolare che disconosce una legge scompagina la pianificazione economica e finanziaria con la quale sono stati regolati gli investimenti e la produzione industriale.

“La domanda giusta da porre, invece, è la seguente: come mai un Governo passa al Parlamento, che lo approva, un provvedimento in contrasto con le norme comunitarie? Ignoranza, ignavia, conto della serva, raccolta di consenso elettorale… Adesso la situazione è grave, aperta su più fronti: avverso il Governo che dovrà farsi carico dell’errore, anziché gettarlo in collo agli onesti lavoratori, e al tavolo di Inps e Inail che hanno reso esecutiva la minaccia di infrazione paventata da Bruxelles.

“In punto di diritto questi ultimi possono pure avere ragione, ma quale fosse “il diritto” doveva saperlo chi lo produce a mezzo ordinanze e leggi”. E conclude con la frase che, dato l’effetto detonante che reca, abbiamo riportato all’inizio.