Strada dei Parchi ma (dice D’Alfonso) anche dei terremoti

265

Campate dal basse al viadotto di Roccapia

LA VARIANTE ALLA A25 SAREBBE RICHIESTA DALLA PROTEZIONE CIVILE. BUFALA ANCHE QUESTA MA OCCORRE ATTENZIONE

6 AGOSTO 2016 – La risposta del Ministro all’interpellanza di Vacca (Movimento 5Stelle)

sulla estraneità della variante alla A25 ai programmi di intervento sulla rete viaria nazionale non deve trarre in inganno e soprattutto non deve consentire a sindaci e Presidente della Provincia di mollare la presa. Già si sono mossi in ritardo per ovvie seppure imperdonabili logiche di scuderia (e ne è prova che l’unica iniziativa finora scrutinata è stata quella dei 5Stelle): per giunta, considerare definitivamente risolto il problema darebbe un ulteriore vantaggio allo scellerato progetto di d’Alfonso e Toto di eliminare dalle mappe autostradali la Valle Peligna.

Infatti, l’argomento principale che la “Strada dei Parchi” utilizza è connesso ad una valutazione del tutto svincolata dalla normativa esistente in tema di autostrade. La variante da Bussi a Collarmele sarebbe suggerita (anzi: imposta) dall’inserimento della importante arteria nella strategia della Protezione civile per gli immediati interventi in caso di terremoto. E’ in questo senso che si si ritiene  (da parte del “Governatore”) che i viadotti andrebbero eliminati, a beneficio delle gallerie. E, a riprova di tanto, sta il progetto di traforare i monti dalla Marsica a oltre Carsoli per eliminare il viadotto cosiddetto dei suicidi dopo Tagliacozzo (prendendo magari la rincorsa da Paterno per mettere a regime la “talpa” che tanto è costata…).

Ora, che l’argomento sia di quelli da “la carta vince, la carta perde”, cui politicamente tenta di abituarci D’Alfonso, è cosa evidente: basti dire che, proprio perché strategica agli interventi per il dopo-terremoto, la A25 non potrebbe mai saltare la Valle Peligna e le zone che la traforite acuta vorrebbe eliminare dal percorso. Si è visto mai che una colonna di soccorsi da Roma, per raggiungere Sulmona, esca a Collarmele oppure (se viene conservata la galleria di Cocullo) percorra la strada 479 Sannite? Oppure che, anche arrivando dal Nord Italia e, dunque,, da Pescara, esca a Bussi e si imbatta in una decina di ponti rasi al suolo dal terremoto, a Bussi stessa, a Popoli, allo svincolo di Pratola? Insomma un Risiko in piena regola, che solo D’Alfonso e gli ingegneri della Strada dei Parchi possono ideare. Dice: ma è la percorrenza complessiva che va garantita, l’autostrada va percorsa nella sua interezza. Già, perché i recenti terremoti hanno richiesto di trasportare viveri e brandine da Pescara a Ostia, senza fermarsi in itinere…Per questo il risultato raggiunto per merito dei 5Stelle va conservato ed è necessario che un altro ministro, che abbia competenze sulla Protezione civile, dica che la A25 come la vogliono D’Alfonso e Toto non servirebbe a niente. Dunque interpellate, interpellate, qualcosa resterà…