Yankee con la pelle d’oca ai concerti dei DisCanto

256

Discanto_USA_2011_ridotta10 OTTOBRE 2011 – “Ci avete fatto venire la pelle d’oca” è il commento che i “DisCanto” raccolgono alla fine del loro concerti negli Stati Uniti, in questa tourneè iniziata venerdì scorso.

 La musica popolare  e l’uso di strumenti ormai insoliti scuotono la sensibilità di chi, anche soltanto per sentito dire in famiglia, ha conosciuto il trasporto delle sensazioni più profonde della vita, dalla nascita del “nuovo venuto” al matrimonio, al lutto. E poi la fatica del lavoro sempre uguale e sempre più pesante nonostante le macchine: questo i DisCanto raccontano alle generazioni di italiani in America che non hanno neppure idea di dove si trovi Sulmona, o Pacentro, o la Pratola Peligna dai mille colori della vendemmia. Michele Avolio ci risponde da Paineswille, nell’Ohio (“Siamo ospitati in una casa museo del 1829”), quando gli chiediamo da chi sia composto il pubblico dei loro concerti : “Chiaramente la gran parte viene dal sud dell’Italia, ma ci sono molti americani. Molti si avvicinano per parlare con noi prima che si debba ripartire per l’impegno successivo. Commentano anche in inglese, come quando dicono di sentire emozioni così intense da percepire la pelle d’oca, appunto.”

 

Idea indovinata quella del tour in America, per assecondare la ricerca delle origini dello “yankee”.