CHI DORME NON PIGLIA PESCI (E RESPIRA IL GAS)

231

22 MAGGIO 2012 – Rumorosa, ma civile protesta  quella di oggi dei Comitati per l’ambiente a L’Aquila davanti al Consiglio Regionale: molta passione, idee chiare, metodi e tempistiche che vanno oltre il rituale di partiti e sindacati, con l’unico scopo di tenere desta l’opinione pubblica mentre si sta assopendo su un tema dei prossimi cento e più anni. Il transito del metanodotto in una zona di altissimo rischio sismico e la stazione di compressione del gas non sono fatti che riguardano solo le generazioni di oggi.

 Ci vuole proprio grinta e costanza, da parte dei volontari dei “Comitati” per governare le spinte ricorrente verso il tecnicismo, ovvero una gestione delle tematiche dello sviluppo che  pretende di giustificare ogni disprezzo verso i deliberati di intere assemblee rappresentative, come quella stessa della Regione, ma anche il Consiglio comunale di Sulmona e le scelte di molti sindaci del circondario.

Purtroppo il risultato della giornata odierna è stato assai contenuto: solo qualche assicurazione e qualche chiamata in causa del presidente della Regione, quello stesso Chiodi che a Sulmona aveva detto ai “Comitati” di essersi svegliati tardi per protestare; lui, forse, avrebbe preferito continuare a dormire.