Confindustria: che lo Stato paghi i suoi debiti è il minimo

374

4 APRILE 2013 – “Trovo poco edificante salutare in maniera straordinaria una pratica che in altri Paesi del mondo è normale amministrazione: il pagamento da parte dello Stato e degli enti locali delle forniture e dei lavori effettuati dalle Imprese in tempi da Paese civile e moderno.”

Lo afferma il presidente di Confindustria l’Aquila Fabio Spinosa Pingue, che interviene sui temi dei pagamenti da parte dello Stato alle imprese.

“In questo Paese, oramai sull’orlo del fallimento, dovremmo occuparci di ben altro per recuperare in competitività e ammodernarlo come si addice alla sesta potenza mondiale.

Invece siamo fermi ad esprimere soddisfazione per lo sblocco di parte dei pagamenti da parte dello Stato che ha raggiunto tempi biblici, tali da mettere sul lastrico non solo un mare di imprese sane ma da bloccare un intero sistema economico. Per non parlare delle fatture emesse a carico degli enti, che, una volta portate all’incasso, sistematicamente vengono rifiutate dall’intero sistema creditizio.”

“Forse” conclude il presidente di Confindustria L’Aquila “aveva ragione Marco Tullio Cicerone Silent leges inter arma: in tempo di guerra le leggi tacciono…”

Please follow and like us: