DI PIERO L’ESORCISTA

321

CON UN PAIO DI SEDUTE TRASFORMA UN POLITICO IN “TECNICO” – LA SULMONA CHE FA RIDERE L’ABRUZZO

8 APRILE 2024 – Il sindaco starebbe per nominare Andrea Ramunno, già consigliere comunale durante il quinquennio di Anna Maria Casini sindaca, e consigliere provinciale fino al 2021. Sarebbe stato indicato da “Italia Viva”.

Ora, a parte il fatto che “Italia Viva” non riesce a valicare neppure il 2% dei voti, dove è finita la pantomima della giunta “tecnica”, tanto ostentata dal sindaco? Se Ramunno era politico fino a quando stava con Casini, si è spogliato di questa veste per indossare quella di “tecnico”? Qualche scricchiolìo in questa montatura inventata da Gianfranco Di Piero si era avvertito quando, tra i designati dei giorni scorsi, c’era La Gatta, anche lei evidentemente esorcizzata dal démone della politica che la possedeva e proposta per sostituire Elio Accardo; ed erano scricchiolii interpretati anche alla luce della designazione in giunta dell’ing. Ilenia Rico, passata per il filtro delle elezioni (al Comune di  Popoli) e votata da 11 persone (non 11 consiglieri: 11 elettori). Il nuovo lavoro di Gianfracchia Di Piero, dunque, pare sia quello dell’esorcista: prende un quisque de populo e, per qualificarlo “tecnico”, lo sottopone alla pratica nel corso della quale invita il politico ad uscire dal corpo del posseduto politicamente e fa di questi un tecnico, dopo che la bava verde ha impiastrato tutto Palazzo San Francesco. Con l’aria impassibile dei suoi occhi sempre semichiusi a guardare avanti per non guardare nessuno, Di Piero combatte contro gli ultimi sussulti, le maledizioni, gli inviti a pratiche anomale sataniche del posseduto che proprio non vorrebbe fare la fine di Rosanna Tuteri. Costei era tecnica davvero  e proprio per questo è stata proiettata dalle finestre di Palazzo San Francesco in meno di un fiato. Elio Accardo, un altro, era “tecnico”: ora ci dicono “di area”, per lenire la delusione delle quaglie che credono al potere demiurgico dei tecnici, su su fino a Mario Draghi che tecnicamente puntava al Quirinale e ha sbattuto porte e finestre quando gli è stato detto di mettersi in fila tra i politici. Prima dei due anni e mezzo e della dozzina di assessori che ci separano dalla fine dell’agonia politica, Di Piero sarà diventato un esorcista tanto scaltro da proporre come tecnico Franco La Civita; nel frattempo avrà dato qualche delega ad Andrea Gerosolimo, altre a Bruno Di Masci; non disdegnerà Giovanni Ruscitti; raccoglierà dal selciato Sinibaldi (Armando, non Mario, chè quest’ultimo è tecnico, a giudicare dal tabellone che abbiamo ripreso ieri e quindi non merita nessuna “seduta”; parliamo di Armando, assessore ai lavori pubblici dal 1970 al 1975 nella giunta democristiana di Paolo Di Bartolomeo e assessore ai lavori pubblici dal 1976 al 1981 nella giunta socialcomunista di Antonio Trotta).

Ma Sulmona può essere oggetto di queste risate ciclopiche in tutto l’Abruzzo?

Please follow and like us: