Febbo, l’eccellenza della spesa

253

27 NOVEMBRE 2012 – Una pagina intera su “Il Centro” di ieri snocciola le potenzialità dello sviluppo verde, cioè dell’incremento dell’industria legata alla agricoltura e alla protezione della natura.

Frasi praticamente illeggibili perchè piene di riferimenti alle cifre spese da effettuare. Poi la chiusura trionfalistica: “Abruzzo, Terra di Eccellenze”, che fa tanto felici quelli che ci credono. Ma campeggia su ampie distese di terreni ben coltivati l’immagine con il nome dell’”Assessore alle Politiche Agricole della Regione Abruzzo”, Mauro Febbo. Sta talmente vicino alla parola “Eccellenze” che potrebbe indurre a credere che sia una di loro. Magari sarebbe stato più elegante mettere una lista di persone, anche agricoltori, giovani di cooperative, raccoglitori di olive che eccellono nelle attività agricole.

Comunque il nocciolo della questione non sta in queste eleganze. La pagina con la faccia di Febbo l’ha pagata Febbo oppure uno degli enti riportati a piè di pagina: Comunità Europea, Ministero delle Politiche agricole, Regione Abruzzo, Programma di sviluppo rurale? E se l’hanno pagata loro, una pagina intera, che c’entra la faccia di Mauro Febbo? Anche questo è un servizio che, secondo la pubblicità della televisione, ci ripaga se paghiamo le tasse?