Il Molise bussa ancora alle porte di Sulmona

295

MANIFESTAZIONE OGGI PER RINSALDARE CONTATTI ANTICHI

26 OTTOBRE 2012 – I “Borghi d’eccellenza del Molise” si presentano a Sulmona ed invadono il centro storico per la campagna promozionale dei prodotti dell’Alto Molise: salumi, formaggi, olio, tartufi, pani, dolci e fritture. Accadrà domenica mattina e sarà il secondo, inequivocabile tentativo di contatto tra la Regione che fino al 1963 fu legata all’Abruzzo e che, anche con l’organizzazione dei treni speciali da Campobasso a Sulmona, l’anno scorso e quest’anno ha dimostrato di voler conservare tutti i rapporti.

Dovrebbe essere il Sindaco a scendere in piazza e lungo il Corso tra le bancarelle, come ha già fatto all’arrivo del treno d’epoca da Campobasso: perchè Sulmona ha tutto da guadagnare da una ricomposizione delle due regioni, in quanto ristabilisce il suo ruolo e la sua posizione centrale. Se non proprio per unirsi ai gruppi folkloristici che pare animeranno la giornata, di certo per ribadire che, con l’abolizione delle province e il ritorno ad ambiti territoriali (specie di sotto-prefetture, delle quali fino alla guerra Sulmona era sede), non ci sono ostacoli alla ricollocazione economica e amministrativa di Carovilli, Venafro, della stessa Isernia verso una città che ne è stata guida e punto di riferimento culturale per un paio di millenni.