Le scuole sono tutte da verificare

228

SLITTA ALMENO DI UNA SETTIMANA LA RIAPERTURA

7 SETTEMBRE 2016 – Prima di consentire la riapertura delle scuole il Comune deve verificare la tenuta degli edifici.

Quindi l’inizio delle lezioni slitta; almeno al 19 settembre. Questa è la decisione del sindaco Annamaria Casini, ma la sua ordinanza di oggi riprende la disposizione del presidente della Regione di far “effettuare una ricognizione precisa, puntuale ed esaustiva, delle infrastrutture e degli immobili”. Le ultime verifiche risalgono al periodo post-sisma del 2009 e, visto tutto quello che le ultime scosse possono aver cambiato, la dott.ssa Casini ha chiesto alla Protezione Civile la disponibilità a procedere a nuovi sopralluoghi per la compilazione delle schede “AeDES” e, poi, “stante l’impossibilità di celere intervento dei tecnici della Protezione Civile”, all’Ordine degli ingegneri, a quello degli architetti e al Collegio dei geometri (tutti e tre dell’Aquila) la “disponibilità di utilizzare professionisti esperti in ingegneria strutturale e che abbiano compiuto il ciclo formativo delle procedure AeDES, al fine di espletare le opportune verifiche tecniche con particolare riferimento del quale fessurativo”.

Visto che gran parte dei tecnici sarà impegnata nelle verifiche nell’alta provincia dell’Aquila, confinante con Amatrice e altri comuni terremotati, non sarà il caso di coinvolgere i tecnici delle province di Pescara e di Chieti, o di Isernia (che stanno ad un passo). Se la ricognizione, come ordina D’Alfonso, deve essere “precisa, puntuale ed esaustiva”, può essere che a Natale si starà verificando ancora la prima scuola.