Cirillo si dimette se i bus passano al Corso

300

4 NOVEMBRE 2011 – L’assessore Gianni Cirillo ed il suo gruppo di riferimento (“Rialzati Abruzzo”) premono per la soppressione di tutte le linee degli autobus dal Corso di Sulmona; e Cirillo prospetta anche la riconsegna della delega al sindaco.

Il dibattito sulle misure contro la congestione del traffico al centro si “impreziosisce”, poi, di argomenti ulteriori: per esempio, l’avvìo della raccolta differenziata dei rifiuti, perchè i cassonetti lascerebbero spazio ai parcheggi.

 

auto_depoca_laterale_2L’osservatore distaccato può notare che, di questo passo, il centro rimarrà un ambiente a metà sospeso tra il reale ed il virtuale: quel tanto reale da poter scattare fotografie ad uso dei turisti e da aprire nuovi negozi di vendita di confetti; e quel molto di più virtuale con i dibattiti che si rinnovano sui sensi unici, i parcheggi sotterranei, addirittura le coperture di alcuni tratti del Corso, di Via Mazara (nella foto il portale di San Francesco della Scarpa) e di Via Roma. Intanto, incombe con tutta la sua concretezza la trasformazione di aree industriali del “nucleo”: definitiva scoppola all’equilibrio sociale ed economico del centro, che non può fare a meno della presenza commerciale.

Fino a quando non si focalizza che una città può vivere solo se viene abitata e fino a quando non si favoriranno quelli che decidono di abitarvi, i dibattiti su autobus, parcheggi e raccolta dei rifiuti rimarranno una esercitazione, purtroppo del tutto inutile.