Con amici come WWF e Parco della Majella l’orso può fare a meno dei nemici

259

LO SFONDONE DEL FONDO MONDIALE PER LA NATURA: LA REGIONE VA PREMIATA CON LA FIDUCIA ANCHE SE NON IMPEDISCE LA CACCIA

14 OTTOBRE 2014 – Contro il calendario venatorio 2014-2015 della Regione il Wwf non farà ricorso:

“C’è qualche passo in avanti – dice l’associazione – Ora la Regione dialoghi seriamente con gli ambientalisti”. Quindi, il Wwf aggiunge: “È stata una scelta difficile. È prevalsa la volontà di concedere fiducia a un governo regionale e a un assessore eletti da pochi mesi, ma nessuna cambiale in bianco. Chi ci governa è chiamato a tutelare una specie di straordinario rilievo a livello mondiale come l’orso”.

Ma è proprio il “Fondo mondiale per la Natura”? Oppure è qualche associazione che si è appropriata delle iniziali del glorioso sodalizio che in Inghilterra, tanto per intenderci, aveva presidente in Duca di Edimburgo quando quaranta anni fa aderimmo alla sezione italiana, in prima linea su tutto, soprattutto per la tutela del lupo?

Oggi il WWF Abruzzo annuncia di volersi costituire parte civile nel processo contro il cantoniere Anas che un mese fa sparò all’orso e, intanto “dà fiducia” all’esecutivo regionale? Che cosa è questa: una tregua mentre l’orso viene scannato? E il WWF può dare tregua ad un ente Regione che, non impedendo la caccia, toglie da mangiare agli orsi e li costringe ad avvicinarsi pericolosamente (per gli orsi e per gli uomini) ai centri abitati? Le domande non finiscono mai, perché ci sarebbe da chiedere al WWF chi porterà polli e tacchini per sfamare gli orsi dopo che i cacciatori hanno sparto a lepri e a tutta la selvaggina che da millenni sfama gli orsi prima del letargo. Ci andrà Luciano Di Tizio che ha annunciato di costituirsi parte civile contro lo sparatore di Pettorano? Bella e comoda questa funzione del WWF Abruzzo: molte telecamere, molte apparizioni, molti pareri di cacasenno. Se l’orso può contare su amici tipo il WWF Abruzzo e il Parco Nazioinale della Majella (che ancora non fa sapere come intende intervenire per tutelarlo) non ha bisogno dei nemici.