De Crescentiis contrario all’idea di raddrizzare la A25 (e le banane)

270

Antonio De Crescentiis

E SULMONA PERDE UN’ALTRA OCCASIONE PER GUIDARE IL CENTRO-ABRUZZO

28 GENNAIO 2016 – Il presidente della provincia, sindaco di Pratola Peligna, Antonio De Crescentiis, ha pronunciato un chiaro “no” all’”inaccettabile” progetto di costruire una variante della autostrada A25

per evitare la Valle Peligna, cioè da Bussi a Collarmele. Anche il WWF ha preso posizione su quella che ritiene un’opera assurda, dal gravissimo impatto ambientale; anche il Comune di Popoli reagisce fermamente. Solo il Comune di Sulmona, che avrebbe l’onere di guidare una protesta, non ha speso una parola, né per bocca del sindaco, né per bocca del presidente del Consiglio comunale, Casciani, per solito loquace su tutte le cose più inutili (da ultimo ha armato una polemica perché il consiglio non prestava la richiesta attenzione per un ordine del giorno volto a celebrare il grande gesto dell’ex presidente del Senato, Marini: una mezza paginetta di cose scontate e slurp slurp continuando).

Anche da queste reazioni al progetto di Toto, che se non altro per il suo livello di inutilità avrebbe meritato un punto di vista di Casciani, specialista in questione, si può comprendere quale sia il ruolo della città una volta capoluogo e una volta guida del centro-Abruzzo: in effetti non ha un ruolo e lascia che a sopperire sia, come è nella logica dei vasi comunicanti, il potere di iniziativa di una cittadina molto più piccola e molto meno considerata come Pratola Peligna. La coincidenza fortunata è che il sindaco di Pratola è anche presidente della Provincia e, perciò, quello che ha detto ha anche il contenuto di una protesta di un ente esponenziale di tutti gli interessi della parte nodale del territorio aquilano: una volta tanto a parlare in nome e per conto di metà Abruzzo (tale è l’estensione della provincia aquilana rispetto a tutta la regione) è qualcuno distante dagli ambiente aquilani. Ora è da vedere se tutto questo basta a imporre un segnale rosso al Governo, in procinto di approvare la sconquassata progettazione di Toto. Forse non basta; ma se fosse stato per il sindaco di Sulmona e per il presidente del consiglio comunale…