Federico corregge il verso Del Corvo

904

corvo25 GIUGNO 2013. Riporta un quotidiano di oggi che la colpa della attuale condizione del Liceo Classico è tutta dell’ex sindaco Fabio Federico.

Lo sostiene il Presidente della Provincia in persona, Del Corvo, che è stato domenica a Sulmona ed ha inanellato una delle sue molte gaffe. Noi eravamo rimasti a quando disse, a proposito del viaggio di Ratzinger a Sulmona: “La visita di un Papa non è un evento di tutti i giorni” (vedi “Anche Monsieur de La Palice in Piazza Garibaldi” nella sezione SOCIETA’ di questo sito) e ancora non ci riprendiamo dalla folgorazione che abbiamo avuto apprendendo questa difficile ed imprevedibile opera di sintesi delle meningi del Presidente. Ed erano tempi non sospetti (tre anni fa), quelli nei quali sottolineavamo queste affermazioni non esaltanti del Presidente della nostra Provincia; tra l’altro, suggerivamo al sindaco (in tante altre occasioni come questa rimanendo inascoltati) di che pasta fosse il politico. E’ ovvio: Federico aveva un debito di fedeltà con il Pdl che ha sempre onorato e dal quale mai siamo stati legati noi.

A leggere la locandina del giornale, oggi sventolata anche in Piazza XX Settembre e, poi, a scrutare tra le colonne dell’articolo, si capisce subito che questa “uscita” è da collegare strettamente alla esigenza di una parte del Pdl di dare legnate a Fabio Federico solo perchè non si è inchinato alla imposizione di una parte (tra l’altro gravemente perdente) del Pdl

Non ha atteso il calar del sole Fabio Federico per rispondere e, nonostante non ci abbia mai ascoltato quando faceva il sindaco, lo ascoltiamo adesso e vogliamo che lo ascoltino quanti più Sulmonesi possibile:

“Occorre ricordare al Presidente della Provincia Antonio Del Corvo – “apre” Federico” – che L’Amministrazione da me guidata ha approvato nel mese di settembre 2012 la delibera di sottoscrizione del protocollo d’intesa con la provincia per la progettazione ed i lavori di riparazione del Liceo Classico Ovidio. La Giunta ha quindi inviato la predetta delibera in commissione consiliare congiunta che avrebbe dovuto valutarla ed inviarla in Consiglio Comunale per la definitiva approvazione, ma la commissione non ha mai esaminato tale proposta né numerosi altri progetti posti all’ordine del giorno. Ricordo, senza tema di smentite, la contrarietà del consigliere Gaetano Pagone alla firma del citato protocollo per problematiche, a suo dire,  relative all’affidamento degli incarichi di progettazione. Ricordo ancora che l’interlocutore per la Provincia, relativamente ai i lavori sulle scuole, era l’ing. Specchio col quale, per motivi che non ricordo, si interruppe improvvisamente l’interlocuzione. Ricordo invece perfettamente che il Comune di Sulmona aveva stanziato in bilancio una somma di denaro dell’ammontare di oltre centomila euro per il finanziamento del protocollo, mentre la Provincia, oggi prodiga di accuse, non stanziò nemmeno un euro, forse a causa dei gravosi impegni per lavori pubblici nel marsicano.

Questa è la verità.

Auspico, ora, che il Presidente possa presto riguadagnare la memoria e, più pragmaticamente ed ancor prima, tirare fuori i soldi per il Liceo Classico Ovidio di Sulmona”.