GNAMM GNAMM

179

SI IMPINGUANO LE CASSE DEL COMUNE RESTAURANDO PERCORSI IMPOSSIBILI IL NUOVO DIVERTIMENTO DI DI PIERO, BERARDI & C ALLE SPALLE DEI RESIDENTI DEL CENTRO STORICO: IL CORRIDOIO PER USCIRE DA VIA SAN COSIMO – LA MUCCA DI BERSANI

12 MAGGIO 2024 – Fioccano, dunque, i verbali per la violazione dei tragitti obbligati che i residenti del centro storico debbono rispettare per uscire dalla cinta muraria.

L’equilibrio raggiunto in oltre quarant’anni di limitazioni alla circolazione era fatto anche di buon senso: quello che era mancato ai geniali autori dei percorsi. Per esempio, tra Via San Cosimo e Via Corfinio  c’è un angolo retto assai poco…corretto. E’ largo meno di un corridoio di casa, quello che nella prosa di Bersani non può contenere una mucca senza imbarazzo e facendo finta di niente. Qui una qualsiasi auto, non parliamo dei fuoristrada che piacciono tanto agli sboroni, deve fare due o tre manovre per uscire dal budello che è la parte finale di Via San Cosimo e immettersi in Via Corfinio per poi raggiungere Porta Sant’Antonio e respirare lungo la Circonvallazione occidentale. C’è anche un paracarro che non serve più a niente, ma che sta lì a complicare la vita ai residenti in cerca di… evasione. Se non si segue questo percorso (ideato evidentemente d un minus habens, minus ancora di più della strettoia per la mucca di Bersani) e si percorre Via Gramsci per uscire alla villa comunale si pagano 98 euro per ogni passaggio.

Così il Comune impingua le casse, secondo il rapporto con i cittadini che si va instaurando da quando a Palazzo San Francesco si riempiono la bocca di tutela di diritti e democrazia e partecipazione. L’assessore al centro storico è mai passato in questo budello? E si è peritato di sentire i residenti prima che il Comune incominciasse a mitragliarli per fare cassa? Oppure fa sfoggio di democrazia annunciando confronti con i residenti?

Abbiamo inaugurato una nuova rubrica con il titolo “Aumm aumm”. Proseguiamo con quest’altra espressione onomatopeica. C’è un ampio catalogo per descrivere le arguzie della giunta Di Piero sostenuta dai “tecnici”.

Please follow and like us: