Il Papa che parlò di Celestino a Sulmona segue l’esempio di Celestino

280

Papa e CelestinoBENEDETTO XVI  RINUNCIA

11 FEBBRAIO 2013 – Il Papa Benedetto XVI ha annunciato la sua rinuncia; dal 28 febbraio il seggio di Pietro rimarrà in “sede vacante”.

Non è il primo nella storia della Chiesa a rinunciare e prima di lui non c’è stato solo Celestino V; ma molti cristiani, soprattutto quelli in buona fede, si domanderanno perchè; gli altri cercheranno di dare una risposta strumentale, come sempre è avvenuto.

Il Papa prima della messaAllora non era solo per assecondare il fratello che Benedetto XVI circa tre anni fa venne a celebrare messa a Sulmona. Si disse così, ma Papa Ratzinger era venuto a Sulmona per sentirsi vicino a chi ebbe la fermezza di dire il suo “no” alle pratiche di una Chiesa nella quale non si riconosceva e dalla quale fu arrestato e condotto nella rocca di Fumone.

Allora era vero che, prima di salire sul soglio di Pietro, lo stesso Benedetto XVI avrebbe voluto fare visita all’eremo del Morrone dove si recarono cardinali e, purtroppo, il re Carlo d’Angiò, per prenderlo e portarlo a L’Aquila dove venne solennemente incoronato. Sembra che il cardinale tedesco volesse ispirarsi nella cella di Celestino prima di dire “sì”. Ci sono degli elementi, riferiti tra coloro che vissero quelle giornate, per poter confermare questa incertezza; ma il modo con il quale Benedetto XVI ha tenuto la più antica struttura di fede del mondo, in questi otto anni, ha escluso che egli non credesse in quello che stava per fare.

Ora, dunque, ci saranno solo interpretazioni e nessuno, nemmeno Dante, proverà a spiegare. Sulmona sarà un “ luogo” per chi crede nella Chiesa più pura?

Sulla visita di Bendetto XVI a Sulmona: “Il 4 luglio a otto secoli da Celestino viene a dire messa a Sulmona un pontefica romano con un nuovo messaggio DAL PAPA EREMITA AL PAPA TEOLOGO”; “Il Papa a Sulmona: “Non abbiate paura di fare silenzio per ascoltare chi vi è accanto”;   “Echi della visita di Benedetto XVI -UN MESSAGGIO CHE FARA’ STORIA” nella sezione RELIGIONI di questo sito.