Le curve e i dislivelli ostacolano le innovazioni

278

Uno dei punti più difficili della Roma Pescara è sempre stato certamente il tratto da Sulmona a Pescina, per i dislivelli che sono rimasti anche dopo la costruzione di molte gallerie: l’elenco delle opere d’arte con la relativa lunghezza è riportato nel riquadro.

 

E’ in questo segmento molto aspro, nel quale arrancavano a 65 chilometri orari le pur potenti locomotive “loco tender” 940, che si sono infrante le speranze di una velocizzazione dell’intera tratta tramite l’applicazione di treni “pendolino”. E’ dipeso anche dal raggio delle curve, del tutto incompatibile con gli spazi di manovra dei convogli veloci.

ferrovia_per_roma014